Mappa Buche

Buca 1:
La prima buca (360 metri) non rappresenta una difficoltà particolare se non quando soffia il vento dal mare; il fuorilimite corre a destra per tutta la prima parte della buca interessando il tee shot; il green leggermente in salita è ben difeso da tre bunkers.

Buca 2: 
Anche la buca 2 consente di salvare facilmente il par anche se si commette qualche errore: ad eccezione di alcuni alberi sul bordo sinistro del fairway, un buon giocatore non dovrebbe attendersi sorprese; anche in questo caso a difesa del green rialzato un profondo bunker sulla sinistra.

Buca 3:
Prime difficoltà con la buca 3, un par quattro corto, che è delimitato sul lato destro da un corso d'acqua fiancheggiato da filari di canne che "divorano" spessissimo gli slices, resi più frequenti in presenza di vento forte da Maestrale. Waste area sulla sinistra e un fairway che pende da sinistra a destra non consentono un colpo al green in piano;

Buca 4:
Ma il primo vero scoglio è rappresentato dalla buca 4, primo dei due "par cinque" ed il più lungo.
Un ampio lago che si estende dai bordi dei tee di partenza costituisce un baluardo al tee-shot , che spesso inibisce ogni speranza di punteggio a fine percorso. E tuttavia, superata questa prima difficoltà i successivi colpi in fair-way non dovrebbero destare preoccupazioni eccessive; il colpo al green è complicato dalla presenza di bunkers sullla destra e ostacolo d'acqua a sinistra.

Buca 5:
La buca 5 è un Par tre di recupero ritenuto dagli esperti tutto sommato agevole
che consente anche il "birdie".

Buca 6:
Il dog-leg a destra della buca 6 sconsiglia, ai giocatori meno sicuri, di tagliare troppo a destra: un corso d'acqua costeggia fino a circa la metà della distanza complessiva l'ampio green è difeso da bunkers sia a destra sia a sinistra..

Buca 7:
ai "lunghi", attenti all'albero solitario piazzato in pieno fairway. L'ostacolo d'acqua costeggia tutta la buca sulla destra; un piccolo lago difende il green sulla sinistra e il fuori limite penalizza i colpi lunghi al green.

Buca 8:
Delicato il Par tre dell'ottava buca con il green difeso da un altro ostacolo d'acqua. Sulla sinistra invece il green è protetto da alcuni bunkers insidiosi.

Buca 9:
Infine la buca nove, signature hole del campo. Un lungo par 5, che completa la prima metà del percorso e conduce alla club-house. Si tratta di un leggero dog-leg a destra nella parte terminale. Fuori limite sulla destra e ostacolo d'acqua sulla sinistra contornano un fairway tutto sommato dalle dimensioni generose. I più lunghi possono rischiare il terzo colpo al green rialzato, a volare il lago che caratterizza la buca. I più prudenti possono aggirare l'ostacolo con un approccio sottoil green difeso sulla sinistra da un bunker. Attenzione al fuori limite dietro il green.