Club dei giovani

La formazione degli atleti

Maestro Federale: Lorenzo Carrara

La formazione degli atleti è svolta prevalentemente tenendo conto delle differenze dovute al livello di gioco e all’età e deve perseguire i seguenti obiettivi:

  • Entusiasmare e far apprezzare l’aspetto ludico e aggregante del golf per fare appassionare i ragazzi.
  • Introdurre alla competizione corretta e rispettosa delle regole e degli avversari.
  • Accompagnare i ragazzi nella crescita sportiva cercando di renderli autonomi e consapevoli nelle loro scelte.
  • Stimolare la ricerca di miglioramento attraverso la sperimentazione e la conoscenza degli aspetti fondamentali della tecnica di esecuzione dei vari colpi.
  • Cercare una maggior conoscenza del proprio gioco e del proprio potenziale.
  • Aiutare a porsi degli obbiettivi sia a breve sia a lungo termine e a individuare una strategia per raggiungerli.
  • Aiutare a programmare una stagione agonistica selezionando le gare secondo il proprio livello di gioco.
  • Aiutare a seguire un programma di allenamento.

 

Aspetto ludico dell’insegnamento ai giovanissimi

Bisogna sempre tenere presente che per i ragazzi il golf è prima di tutto un gioco; e quindi si devono divertire giocando.

Inoltre l’insegnamento è più efficace se risulta divertente e se stimola l’apprendimento attraverso il gioco.

Tecnica

L’atleta deve ampliare la gamma di colpi che è in grado di eseguire con una certa sicurezza, sia nel gioco corto sia nel gioco lungo per poter scegliere di volta in volta il colpo più adeguato alla buca e alla situazione di gioco. Per questo motivo è necessario che sperimenti colpi diversi dalla stessa situazione e non giochi sempre lo stesso colpo. Durante i raduni saranno affrontati i seguenti argomenti.

  • Routine
  • Grip
  • Set up
  • colpi ad effetto (fade e draw)
  • colpi particolari (palla alta e palla bassa)
  • colpi da lie particolari (discesa, salita….)
  • conoscenza dei voli della palla

 

Putt, Gioco corto, colpi speciali

Putting:

  • lettura del green
  • pratica per imparare a dosare la forza
  • analisi e miglioramento della meccanica

Approcci da vicino al green: sperimentazione e comprensione di tutti i tipi di colpo.

Bunker:

sperimentazione e allenamento delle varie situazioni di lie della palla di consistenza della sabbia e di distanza da ricoprire.

 

Insegnamento degli aspetti complementari al gioco

Si tratta di rendere consapevoli i giovanissimi del fatto che il gioco del golf non è soltanto la ricerca dello swing perfetto e la potenza, ma che ci sono altri fattori altrettanto importanti che influenzano il gioco ed i risultati.

Tutto questo serve a incuriosire i giovani e a stimolarli nella ricerca di un miglioramento che non deve essere solo quello della tecnica fine a se stessa.

Non si deve insegnare la materia ma dare un’infarinatura per prepararli al passo successivo quando più maturi potranno sperimentare quanto detto e imparare veramente gli insegnamenti necessari.

Durante i raduni saranno affrontati i seguenti argomenti.

  • Regole.
  • Course management.
  • Misurazione del percorso e di ogni colpo.
  • Preparazione fisica.
  • Club fitting e scelta dei materiali.
  • Psicologia.

 

Filmati, discussioni

Sono utilizzati e commentati dai maestri, video di gare professionistiche per favorire la comprensione dei vari aspetti del gioco.

Regole

durante i raduni saranno svolte lezioni teoriche e test lasciando utilizzare il libretto che i ragazzi devono imparare a consultare.

Preparazione atletica

si deve far capire ai ragazzi che il golf agonistico è uno sport e quindi necessita di una corretta preparazione atletica, in quanto le gare internazionali spesso si svolgo su 36 buche al giorno.

Disciplina

i ragazzi devono attenersi scrupolosamente ai programmi e rispettare sia le norme di comportamento sia l’etichetta di gioco, in caso di mancata osservanza di tale norma il responsabile del raduno deve sospendere la qualifica per un periodo che dipende dall’infrazione commessa.

L’attrezzatura deve sempre essere completa e in ordine: la sacca deve sempre contenere tee, palline, marca palle e alza-pitch a sufficienza e il libretto delle regole, i ferri devono essere puliti e con i grip in ordine, durante le pause le sacche devono essere tutte raggruppate e ordinate.

 

CALENDARIO RADUNI 2016

Orario Raduni : dalle 15.30 alle 17.00

La quota pro capite è di 200 Euro

Tutti i Sabati escluso mesi di Luglio e Agosto.

Gli orari e i giorni previsti per i Raduni sono passibili di modifica da concordare con gli allievi.

La quota comprende : 25 lezioni di golf, palline range, eventuale materiale didattico e utilizzo del campo da golf (nei giorni dei raduni)